Fammi una domanda

NEWS

Lamborghini V12: un motore che ha fatto la storia

16 Giugno 2021

Fin dall’apparizione del primo modello 350 GT nel 1963, le supersportive Lamborghini si sono distinte per la bellezza del design e la potenza del motore V12 aspirato che, allora come oggi, è capace di offrire una sensazione di guida coinvolgente e inimitabile.

Ferruccio Lamborghini voleva creare l’auto sportiva perfetta, e la leggenda vuole che il fondatore del marchio offrisse all’ingegnere e designer Giotto Bizzarrini un bonus per ogni potenza aggiuntiva che poteva raccogliere con il nuovo motore V12 a 3,5 l, montato a 60° con doppio albero a camme in testa e capace di erogare 320 CV sulla 350 GT: nasceva così la tradizione Lamborghini.

Il primo modello funge da base per le ulteriori iterazioni del V12, con vari perfezionamenti sviluppati nei modelli successivi come la 400 GT (1966), l’Espada (1968), la Islero (1968) e la Jarama (1970), quest’ultima evolutasi nella Jarama S a 365 CV, forse la preferita dal fondatore.

La Miura, nata nel 1966 ed evolutasi nella SV del 1971, stravolse tutte le regole: il V12 viene spostato nella parte centrale-posteriore della vettura, garantendo una distribuzione del peso migliore e raggiungendo una potenza di 370 CV, un’accelerazione 0-100 km in 6,7 secondi e una velocità massima di 285 km/h, e trasformando il modello nell’auto di serie più veloce al mondo al momento del suo lancio.

Il suono inconfondibile del V12 è come una sinfonia d’orchestra. Ciascuno dei 12 cilindri deve muoversi intonato con gli altri, come una serie di 12 violini che suonano in crescendo, marcia dopo marcia, per esaltare al meglio le sensazioni di guida del pilota.

Con la Countach (1974) il motore si sposta ancora più indietro, riproducendo una musica ancora più vicina alle orecchie del guidatore. La LM002 (1986) ha poi avuto l'onore di incorporare il motore Countach – ora con una cilindrata di 5,2 l e una potenza di 444 CV – nel cuore del primissimo SUV.

Ma ricerca e innovazione non si fermano qui. La Diablo (1990), con il suo motore V12 da 5,7 l e 485 CV, conferma la posizione del motore della Countach, ma offre per la prima volta un sistema di trazione integrale insieme a un'accelerazione 0-100 km/h di 4,5 secondi e una velocità massima di 320 km/h.

All'alba del nuovo secolo, il famigerato V12 Lamborghini è ancora il motore preferito quando la Diablo passa alla Murciélago, con una capacità iniziale di 6,2 l che erogava 580 CV e gli ultimi 330 km/h nella Versione Super Veloce LP 670-4, capace di erogare 670 CV.

L'ultimo capitolo del V12 inizia nel 2011, con il lancio dell'Aventador e del suo straordinario V12 da 6,5 ​​litri completamente nuovo. Con 700 CV, un'accelerazione da 0-100 km/h di soli 2,9 secondi e una velocità massima di 350 km/h, fino a oggi non meno di 4 varianti di motore includono il propulsore dell'SVJ, che eroga 770 CV e 720 NM di coppia a 8.500 giri/min. Il motore Lamborghini V12 è un'opera d'arte ingegneristica, capace di regalare potenza e prestazioni senza eguali, che si trasformano in musica alle orecchie del guidatore.

Ascolta il suono inconfondibile che ha fatto la storia>